FESTIVAL | TERNI | CINEMA e RELIGIONE | blucinema | contatti | crediti |  
terni | cinema a terni | papigno | roberto benigni | umbria film commission | cinema e lavoro |

CINEMA &/è LAVORO

Festival cinematografico dell'Umbria

 
 

Il cinema, arte meccanica per eccellenza insieme alla fotografia, ha sempre nutrito, nel passato, un’attrazione quasi istintiva per il mondo del lavoro, un misto di terrore e curiosità per il modo in cui la tecnologia mescola macchine e corpi sulla stessa scena quotidiana da Chaplin a Lang. Oggi, nel momento in cui sia la politica che la società, spesso hanno grandi difficoltà a rispondere a domande ingrate e complicate (e per questo talvolta tendono a rimuoverle), è il cinema a farle con più fermezza e dolcezza: c’è più attenzione alla drammaticità del mondo del lavoro nei film di Loach o di Guèdiguian o dei fratelli Dardenne, di quanto ce ne sia nella programmazione in prime time della televisione dei paesi europei cui appartengono.

Il cinema, che sin dall’inizio della sua storia ha sedotto letterati, intellettuali e anche politici per la sua capacità di riprodurre l’azione nella società, la perfezione del dettaglio degli ambienti reali e anche per la capacità di critica e  denuncia dell’esistente e  di costruzione della visibilità del mondo, è tra quei linguaggi ad aver continuato a  riflettere sulle mutazioni delle cose senza perdere la memoria di ciò che erano state e di cosa si pensava dovessero diventare. Il passaggio dal regno dell’abbondanza e dalle sue mitologie alla durissima lotta per la sopravvivenza che si ingaggia a fianco degli emigranti da paesi non sviluppati, l’impatto sconvolgente che il lavoro esercita sulle relazioni umane e la pressione che le tensioni che innesca producono su di esse, la scoperta che le stesse nuove tecnologie che dovevano ampliare la nostra libertà in realtà tendono a trasformare tutta la nostra vita in un ininterrotto tempo di lavoro: c’è qualcosa più del cinema che ha avuto il coraggio di cercare di comprendere e raccontare, allo stesso tempo, tutto questo?  I conflitti, le solidarietà imprevedibili, l’alterazione di ruoli secolari, l’incontro con quell’ altro misterioso e sconosciuto con il quale scopriamo di condividere lo stesso, spossato, pianeta.

L’obiettivo di Cinema &/è Lavoro – Festival Cinematografico dell’Umbria è di riflettere, sottolineare e anche segnalare quanto di meglio e di più interessante si produce su pellicola o in video sull’argomento, ma anche di fare tesoro e trarre profitto da un’esplorazione di quanto l’immaginario cinematografico ha creato fino ad oggi sull’argomento, in collaborazione con tutti coloro che sono interessati a tutto ciò e che a tutto questo possono essere legati anche per professioni, conoscenze e punti di vista non necessariamente interni all’universo del cinema.

Perché il lavoro non è un tema qualsiasi: neanche per il cinema.

  Download Stampa
cinema e lavoro
-- archivio
IL VESCOVO DI TERNI
SALVATORES IN FUGA DA HOLLYWOOD
di Arnaldo Casali
LA PARABOLA DI TARICONE
di Arnaldo Casali
Intervista a Giorgio Pasotti
di Arnaldo Casali
Prima ternana per "Promessa d'amore"
Intervista a Chiara Conti
L'OSPIZIO DI HOLLYWOOD
Intervista a Michael Schroeder
Il festival del cinema
"Adesso in onda" con Steve Della Casa
"Non mi piace fare l'attore"
Intervista a Massimo Ciavarro
"Cover Boy": il capolavoro che non riesce a uscire nelle sale
Intervista al regista Carmine Amoroso
Gran finale per Cinema è/& lavoro 2006
Maratona cinematografica e anteprima nazionale di "Promessa d'amore"
Eleonora Giorgi: “Quando ho lasciato tutto e ho fatto la contadina per ritrovare me stessa”
Intervista di Arnaldo Casali
L'UOMO SULLA SEDIA
Il capolavoro di Michael Schroeder
STEFANIA SANDRELLI DIVENTA REGISTA
Intervista di Arnaldo Casali
IL MISTERIOSO VIAGGIO DI FEDERICO FELLINI
Il progetto incompiuto di "Mastorna"
"Provenzano, la mia nuova sfida"
Intervista a Michele Placido
CARLO RICCARDI, IL L'OBIETTIVO DELLA "DOLCE VITA"
All'ex Siri in mostra le fotografie dell'artista-reporter
INTERVISTA AD ANDREA RIVERA
da RadioAdesso
Quinta edizione per Cinema è/& lavoro
Tra gli ospiti Moncielli, Harou, Smutniek, Taricone, Placido e Pasotti
La sicurezza arriva al Festival
Un concorso per corti a "Cinema è/& lavoro"
Riprendiamoci il disturbo di vivere!
Intervista ad Alessandro D'Alatri
Quando Benigni mi ha morso un piede
Intervista a Giuliano Montaldo
INTERVISTA A SILVIO MUCCINO
di Arnaldo Casali
DOVE HO GIA' VISTO QUESTA FACCIA?
Intervista a Pierfrancesco Favino
IL MESTIERE DELL'ATTRICE
Steve Della Casa intervista Anita Caprioli
"NON PARLATE MALE DELLA FICTION"
Intervista a Massimo Ghini
TANOVIC SULLE ORME DI KIESLOWSKI
Intervista al premio Oscar per "No Man's Land"
INTERVISTA A GASTONE MOSCHIN
di Arnaldo Casali
INTERVISTA A FABIO VOLO
di Arnaldo Casali
IL VANGELO SECONDO PRECARIO
Intervista a Stefano Obino
SOTTO IL SOLE NERO DI SAN SALVARIO
Incontro con il regista Enrico Verra
"VI RACCONTO CHI ERA ALDO FABRIZI"
Incontro con la nipote Cielo Pessione
L'ANNO DI RODOLFO
Intervista a Daniel Ruffino e Federico Testardo Tonozzi
INTERVISTA A STEFANO CHIANTINI
Autore di "Forse sì, forse no"
INTERVISTA A BERTRAND TAVERNIER
Premio Cinema &/è lavoro 2005
INTERVISTA A FRANCESCO MUNZI
Regista di "Saimir". "Fare un film è difficile, farlo vedere difficilissimo"
30 ANNI DI FANTOZZI - INTERVISTA A PAOLO VILLAGGIO
di Arnaldo Casali

 
© FilmFestivalPopoliEReligioni | FESTIVAL | TERNI | CINEMA e RELIGIONE | blucinema | contatti | crediti