FESTIVAL | TERNI | CINEMA e RELIGIONE | blucinema | contatti | crediti |  
terni | cinema a terni | papigno | roberto benigni | umbria film commission | cinema e lavoro |

INTERVISTA A FRANCESCO MUNZI

Regista di "Saimir". "Fare un film è difficile, farlo vedere difficilissimo"

Saimir è un sedicenne albanese emigrato in Italia che vive in un sobborgo del litorale laziale, dove suo padre Edmond gestisce un piccolo traffico di immigrati clandestini. Respinto dai coetanei italiani, Saimir finisce per entrare in un giro di microcriminalità ma si riscatta tentando di salvare una minorenne avviata alla prostituzione.

 E’ questa la storia raccontata da Saimir, opera prima di Francesco Munzi, presentata in concorso alla Mostra di Venezia e in presentato a Cinema &/é lavoro 2005.

 Romano, 35 anni, Munzi si è laureato in Storia contemporanea e poi ha frequentato il Centro sperimentale. Dopo una serie di documentari e cortometraggi ha potuto realizzare il suo primo film grazie all’interesse di tre giovani produttori e a un finanziamento statale, ottenuto dopo tre anni di disavventure burocratiche.

Perché hai  deciso di raccontare la storia di un immigrato albanese?

“Da una parte mi interessava un contrasto tra padre e figlio, che è un tema universale, dall’altro ci tenevo a parlare di quel mondo”.

Non è mondo molto esplorato dal cinema italiano...

“Proprio per questo sentivo il bisogno di farlo.  Sono cresciuto con una cinematografia che ha perso il contatto con la realtà, adeguandosi al modello televisivo. In realtà le cose un po’ stanno cambiando:  proprio quest’anno sono usciti altri due film - quello di Giordana e quello di Vicari - che hanno tematiche vicine alla mia. Significa che c’è un po’ di voglia di capire certe cose”.

Cosa ti è rimasto di quest’esperienza?

“E’ stato sicuramente molto importante il lavoro di preparazione. All’inizio la sceneggiatura sapeva di ‘chiuso’, di scrittura a tavolino. Il viaggio che ho fatto in Albania, le persone che ho conosciuto, hanno dato un forte contributo al film”.

Anche gli attori?

“Sì, in gran parte erano non professionisti. Il protagonista l’ho trovato per strada. E devo dire che si è creata una bella alchimia tra i non attori - molto generosi - e i professionisti, più strutturati”.

Per un giovane regista, oggi, è più difficile fare un film o farlo vedere?

“La cosa più difficile in assoluto è la distribuzione, perché richiede molti soldi e non è prevista nei fondi pubblici. Ci sono moltissimi film che vengono fatti ma poi non circolano nelle sale, anche perché sono sempre le commedie ad essere predilette”.

In Italia manca anche un po’ la cultura del mestiere del regista. Di solito diventano registi gli attori o gli sceneggiatori.

“Perché in generale in Europa abbiamo una cultura umanistica. In America, il regista è una figura più tecnica, ma conta molto meno rispetto al produttore; qui invece è il regista ad avere la responsabilità del film. Comunque vedo una grande ventata di rinnovamento, da questo punto di vista, e mi sento ottimista. Il problema è che in Italia tendiamo a sperare poco e lamentarci tanto”.
 
Arnaldo Casali
 
www.saimir.it

  Download Stampa
cinema e lavoro
-- archivio
IL VESCOVO DI TERNI
SALVATORES IN FUGA DA HOLLYWOOD
di Arnaldo Casali
LA PARABOLA DI TARICONE
di Arnaldo Casali
Intervista a Giorgio Pasotti
di Arnaldo Casali
Prima ternana per "Promessa d'amore"
Intervista a Chiara Conti
L'OSPIZIO DI HOLLYWOOD
Intervista a Michael Schroeder
Il festival del cinema
"Adesso in onda" con Steve Della Casa
"Non mi piace fare l'attore"
Intervista a Massimo Ciavarro
"Cover Boy": il capolavoro che non riesce a uscire nelle sale
Intervista al regista Carmine Amoroso
Gran finale per Cinema è/& lavoro 2006
Maratona cinematografica e anteprima nazionale di "Promessa d'amore"
Eleonora Giorgi: “Quando ho lasciato tutto e ho fatto la contadina per ritrovare me stessa”
Intervista di Arnaldo Casali
L'UOMO SULLA SEDIA
Il capolavoro di Michael Schroeder
STEFANIA SANDRELLI DIVENTA REGISTA
Intervista di Arnaldo Casali
IL MISTERIOSO VIAGGIO DI FEDERICO FELLINI
Il progetto incompiuto di "Mastorna"
"Provenzano, la mia nuova sfida"
Intervista a Michele Placido
CARLO RICCARDI, IL L'OBIETTIVO DELLA "DOLCE VITA"
All'ex Siri in mostra le fotografie dell'artista-reporter
INTERVISTA AD ANDREA RIVERA
da RadioAdesso
Quinta edizione per Cinema è/& lavoro
Tra gli ospiti Moncielli, Harou, Smutniek, Taricone, Placido e Pasotti
La sicurezza arriva al Festival
Un concorso per corti a "Cinema è/& lavoro"
Riprendiamoci il disturbo di vivere!
Intervista ad Alessandro D'Alatri
Quando Benigni mi ha morso un piede
Intervista a Giuliano Montaldo
INTERVISTA A SILVIO MUCCINO
di Arnaldo Casali
DOVE HO GIA' VISTO QUESTA FACCIA?
Intervista a Pierfrancesco Favino
IL MESTIERE DELL'ATTRICE
Steve Della Casa intervista Anita Caprioli
"NON PARLATE MALE DELLA FICTION"
Intervista a Massimo Ghini
TANOVIC SULLE ORME DI KIESLOWSKI
Intervista al premio Oscar per "No Man's Land"
INTERVISTA A GASTONE MOSCHIN
di Arnaldo Casali
INTERVISTA A FABIO VOLO
di Arnaldo Casali
IL VANGELO SECONDO PRECARIO
Intervista a Stefano Obino
SOTTO IL SOLE NERO DI SAN SALVARIO
Incontro con il regista Enrico Verra
"VI RACCONTO CHI ERA ALDO FABRIZI"
Incontro con la nipote Cielo Pessione
L'ANNO DI RODOLFO
Intervista a Daniel Ruffino e Federico Testardo Tonozzi
INTERVISTA A STEFANO CHIANTINI
Autore di "Forse sì, forse no"
INTERVISTA A BERTRAND TAVERNIER
Premio Cinema &/è lavoro 2005
INTERVISTA A FRANCESCO MUNZI
Regista di "Saimir". "Fare un film è difficile, farlo vedere difficilissimo"
30 ANNI DI FANTOZZI - INTERVISTA A PAOLO VILLAGGIO
di Arnaldo Casali

 
© FilmFestivalPopoliEReligioni | FESTIVAL | TERNI | CINEMA e RELIGIONE | blucinema | contatti | crediti